Archivio | plugin RSS for this section

Equalizzatore globale con PulseAudio

Una della mancanze che si fanno più sentire in una moderna linux box, è la possibilità di avere un equalizzatore globale che funzioni per tutte le applicazioni che usano l’audio in GNOME.

Sembra che qualche volenteroso sviluppatore si sia rimboccato le maniche per colmare questa lacuna che, inspiegabilmente, continuava a rimanere incolmata! 🙂

PulseAudio 15-band Equalizer

Questo equalizzatore funziona con la nuova versione di PulseAudio (0.9.20) o superiore. Quindi per chi usa Jaunty o Karmic, c’è bisogno di effetture degli aggiornamenti. Per chi già usa (quanti sono? 🙂 ) Lucid Lynx non dovrebbero esserci problemi.

Tranquilli, non c’è da compilare nulla, ci sono i repository dei pacchetti belli e pronti.

Questo plugin per Pulse non è altro che un’interfaccia grafica ad un plugin LADSPA che fornisce un equalizzatore a 15 bande. Esso può anche caricare i preset di VLC. Il plugin scelto fa parte del pacchetto swh-plugins, il quale si può installare da qualsiasi ubuntu tramite il comando:

$ sudo apt-get install ladspa-sdk swh-plugins

Per maggiori informazio sull’installazione e l’aggiunta dei repository necessari vi rimando al thread ufficale su UbuntuForums.

Plugin Audio professionali per Linux? Si può!

Ho già parlato del giovane standard LV2 per plugin audio in ambiente linux.

Ora volevo segnalarvi qualche plugin interessante, che sfutta le qualità relative a questo nuovo standard. Questi sono utili in fase di mastering (compressori) e in fase di mixing (il riverbero è molto carino).

Il primo è un bundle che contiene riverberi, compressori, phaser, … Si chiama INVADA. Potete scaricarlo da qui.

invada-lv2-plugin

INVADA compressor

Un altro plugin interessante è lv2fil, un bel parametrico a 4 bande. Da provare (scaricabile qui)

lv2fil

lv2fil

Finalmente dei plugin interessanti, con un’interfaccia gradevole e usabile 🙂

Per le istruzioni riguardanti i vari hosto lv2, vi rimando al mio precedente post!

Saluti

Linux Audio Plugins: novità in vista

Il panorama dei plugin audio per il pinguino ha da sempre spaventato gli esperti del settore in quanto offre una vasta gamma di soluzioni, apparentemente disorganizzate. Già tempo fa avevo espresso un parere su un giovane standard, che piano piano, ora sta emergendo. Ma diamo uno sguardo globale alla situazione

lv2_blue

lv2 logo

  • LADSPA: Standard affermato,“vecchio” e molto diffuso, ma ha delle grosse limitazioni (assenza di GUI, poco estendibile…)
  • DSSI: Prometteva bene nel campo dei software synthesizers, ma al giorno d’oggi, sembra morto.
  • LV2: uno standard giovane, nato per colmare le lacune di LADSPA (Ladspa Version 2), e sembra riuscirci.

Qualche dettaglio in più sullo standard LV2

LV2, offre uno standard ben studiato. Architettura modulare ed estendibile, e specifiche ben ordinate. Offre la possibilità di creare delle GUI (Graphical User Interface) tramite dei costrutti interni (se si necessita di GUI semplici), oppure con qualsiasi altro toolkit, per poter dare maggiore flessibilità ai programmatori in caso si necessiti qualche particolare feature.

LV2 prevede una catalogazione dei plugin in diverse tipologie per facilitare la ricerca all’utente finale. Oltre alla catalogazione per tipo, vi è anche una separazione tra quelli che sono i plugin di elaborazione del suono, e quelli di generazione del suono (es. synth). Proprio come avviene nel caso dello standard VST/VSTi, in cui si ha una separazione netta, tra plugin di elaborazione e i cosidetti VST Instruments.

Bene… ulteriore ordine.

Tuttavia, l’enorme diffusione di LADSPA, frena l’ascesa di questo standard, anche se oggi, si può contare un certo numero di plugin molto interessati e votati ad un ambito professionale (un paio di esempi: INVADA, lv2fil dei quali parlerò meglio in un altro post).

Per usare questi plugin, oggi ci sono solo un paio di alternative valide

Sulla compilazione di Ardour con il supporto LV2, non mi voglio inoltrare troppo ora. Ci sono comunque delle guide in rete. Ma vediamo cosa ci offre zynjacku/lv2rack.

In realtà non è un solo software ma sono 2. Zynjacku è un host per LV2 instruments, quindi caricherà solo synth e generatori. lv2rack invece è l’host per caricare i plugin di elaborazione (es. riverberi, compressori, flanger, …). Così come il più famoso jack-rack, offrono una semplice interfaccia per inserire in un rack virtuale i vari plugin LV2.

Anche questo è da compilare. Scaricate i sorgenti tramite git digitando da terminale il comando

git clone git://repo.or.cz/zynjacku.git

Orasiete pronti per la compilazione… con la mia karmik non ho dovuto installare dipendenze, anche perché ne avevo già un po’ installate, quindi non saprei dirvi cosa dovete scaricarvi per compilarlo 🙂 (beh… una cosa che potete fare per cominciare è installare almeno le build-essentials 😉 )

Ora non vi resta che avviare Jackd e avviare a vostra scelta zynjacku o lv2rack.

Buon testing a tutti!


					

LV2… il futuro?

LV2, come già detto in questo blog, è uno standard per lo sviluppo di plug-in e host, per la generazione e il processing audio. La differenza principale con il suo predecessore (LADSPA), è che gli LV2 hanno la possibilità di creare un’interfaccia grafica (come i più famosi VST e VSTi) per renderne più comodo l’utilizzo.

il logo

il logo...

Dal punto di vista delle potenzialità, questo progetto sembra molto promettente. Per ora non c’è ancora un grosso set di plug-ins, ma qualcosa si stà muovendo.

In attesa di qualche guida su come utilizzarli al meglio e quali potrebbero essere dei plug-in interessanti, vi lascio alcuni link per cominciare a fare qualche test 🙂

  • LV2 – il sito del progetto
  • Zynjacku – un host per plugin LV2 per Jackd, con funzionalità simili a Jack-rack (un buon punto di partenza no? :D)
  • ll-plugins – una buona raccolta di virtual instruments
  • Calf audio plugin – raccolta di plugin pensati per un uso professionale
  • SWT LV2 – porting dei plugin SWT dalla versione LADSPA

VST Host DSSI on Linux 64 bit

Di recente ho fatto l’upgrade della mia Ubuntu Studio alla versione Intrepid Ibex 8.10 64 bit.

A parte il difetto che fino ad ora non è ancora pronto un kernel real-time, il mio problema era fare funzionare i VST (a 32 bit) su un sistema a 64 bit.

Mi sono detto:  wine non dovrebbe avere problemi a emularmi sw a 32 bit. Infatti è così, però ho trovato certe difficoltà nel compilare vst host come fst o dssi-vst sulla 64 bit. Tutt’ora fst non sono ancora riuscito a compilarlo. Dssi-vst invece (il quale fa uso della tecnologia DSSI – si pronuncia Dizzy), dall’ultima versione (0.8) hanno un Makefile che dovrebbe facilitarne la compilazione a 64 bit.

Dizzy Gillespie

Dizzy Gillespie

Scarico e provo a compilare… un po di dipendenze da installare… nulla.

Ora vi illustro i passaggi che ho seguito per compilarlo.

Continua a leggere…

Un Equalizzatore per Rhythmbox, e qualcosa in più…

Ho sentito tanti utenti di Rhythmbox lamentare la mancanza di un equalizzatore.

[EDIT: aggiornamenti su questo post qui]

Bene… vi segnalo la presenza di un paio di plugin che possono fare al caso vostro… e qualcosa in più

spettro

spettro

Vediamo…

Continua a leggere…